in questo momento su RadioCinema:

  • Traccia

  • Autore

  • Film

App iPhone | Podcast | Radiofrequenze

Medusa, dalla crisi al rilancio della commedia

Medusa rilancia a Riccione il proprio listino ricco dei registi e degli attori di punta della commedia italiana. Ma la qualità sembra risentirne.

Intervista a Diego Abatantuono, interprete di Indovina chi viene a Natale. A cura di Emanuele Rauco.
Intervista a Giampaolo Letta, ad e vice-presidente di Medusa. A cura di Emanuele Rauco.
Intervista a Federico Moccia, regista di Universitari. A cura di Emanuele Rauco.
Intervista a Carlo Vanzina, regista di Sapore di te. A cura di Emanuele Rauco.
Intervista a Anna Foglietta, interprete di Tutta colpa di Freud. A cura di Emanuele Rauco.
Intervista a Claudia Gerini, interprete di Indovina chi viene a Natale?. A cura di Emanuele Rauco.
Intervista a Katy Saunders, interprete di Sapore di te. A cura di Emanuele Rauco.
Intervista a Martina Stella, interprete di Sapore di te. A cura di Emanuele Rauco.
Intervista a Marco Giallini, interprete di Tutta colpa di Freud. A cura di Emanuele Rauco.
Intervista al regista Paolo Ruffini e al cast di Fuga di cervelli. A cura di Emanuele Rauco.
Intervista a Pio e Amedeo, interpreti di Quasi quasi amici. A cura di Emanuele Rauco.

Si parlava di crisi, addirittura di chiusura per Medusa. Invece la società guidata da Giampaolo Letta porta a Riccione, per le Giornate estive del cinema, un listino che rilancia la propria immagine di principale produttore e distributore italiano soprattutto in termini di commedie italiane. Lo star system tricolore compone la quasi totalità della proposta che mostra la corda soprattutto dal punto di vista della qualità.
La punta di diamante dovrebbe essere Sole a catinelle, nuovo film con Checco Zalone in uscita a fine ottobre, un road movie comico con un piccolo bambino a fare il figlio in cui un padre squattrinato vive il dramma del figlio bravo a scuola e per cui deve premiarlo con un viaggio: nessuna immagine ma se segue la scia dei precedenti e regge la verve del video-messaggio possiamo garantire un altro grande successo. Che è l’obiettivo anche del gruppo di commedie più o meno intercambiabili con cui Medusa arricchisce il listino:  Fuga di cervelli, esordio alla regia di Paolo Ruffini con un gruppo di giovani fenomeni del web e della tv che pare un pessimo remake di una commedia demenziale USA anni ’80 (anche se l’originale è spagnolo); Indovina chi viene a Natale?, ritorno di Fausto Brizzi al cine-panettone con Diego Abatantuono mattatore di una famiglia allargata; Tutta colpa di Freud, con Marco Giallini psicoanalista tormentato dalle figlie e diretto da Paolo Genovese (sulla carta potrebbe essere la sceneggiatura migliore); Sapore di te, ritorno dei Vanzina a Forte dei Marmi per celebrare nostalgicamente gli anni ’80 e il film che li lanciò definitivamente, quel Sapore di mare che compie 30 anni; Soap Opera, capodanno scatenato diretto da Alessandro Genovesi con Fabio De Luigi e Cristiana Capotondi; e poi il film che aprirà la stagione italiana di Medusa, il non troppo atteso ritorno di Federico Moccia con Universitari, pellicola generazionale piena di attori esordienti, in cui le speranze e i problemi dei post-liceali si aprono ai tentativi drammatici tipici dell’autore.

Produzioni di livello senz’altro superiore a quelle messe in campo nel 2012/2013, ma anche una tendenza a isterilire il cinema italiano e il suo rapporto con il pubblico, con film, attori e registi onnipresenti, che si passano da prodotto in prodotto e storie che pescano in un’unica direzione. Se aggiungiamo l’esordio al cinema di Pio e Amedeo, coppia comica delle Iene che pare un rimpiazzo ai Soliti idioti che non gireranno il terzo film (il regista infatti è lo stesso, Enrico Lando), e le anticipazioni della Peggior vacanza della mia vita, e il nuovo film di Ficarra & Picone si completa il quadro di una società che, se ha ritrovato i fondi, sta perdendo il rapporto con il cinema, con la capacità di uscire da un selciato profondo, di variare la propria offerta.
Fanno macchia Un piano perfetto, commedia francese con Diane Kruger che dal trailer pare tutt’altro che travolgente, un nuovo Tarzan animato che sembra però più un videogame di 10 anni fa che un tecnologico cartoon, Midnight Sun di Brando Quilici e Roger Spottiswoode, un melenso dramma avventuroso su un ragazzo e un orsetto polare. Tra le anticipazioni più lontane spicca solo il nuovo film di Sorrentino, che comincerà a scrivere a breve ma la cui uscita è prevista tra il 2014 e il 2015. Il resto è trascurabile se non peggio. Siamo sicuro che la crisi di Medusa sia finita?

EMANUELE RAUCO

Commenti

commenti