in questo momento su RadioCinema:

  • Traccia

  • Autore

  • Film

App iPhone | Podcast | Radiofrequenze

Checco Zalone vince il festival di Monte Carlo

Sole a catinelle di Zalone vince il primo premio al festival della commedia diretto da Ezio Greggio: premiati anche Tres bodas de mas e Fack ju Göhte

Dopo aver fatto esplodere il box office italiano, Checco Zalone si prende anche la soddisfazione di essere premiato a un festival: Sole a catinelle, il film italiano con il maggior incasso di tutti i tempi ha vinto il festival di Monte-Carlo, la principale rassegna internazionale dedicata alle commedie e diretta da Ezio Greggio. La giuria del Film festival de la comédie, presieduta da Vittorio Storaro e composta da Lina Wertmuller, Carol Alt e Ilya Bachurin ha scelto il film di Zalone tra una serie di film che oltre a essere rappresentativi del genere brillante avessero avuto anche successo al box-office casalingo.
Assieme a Sole a Catinelle sono stati premiati altri tre film: Tres bodas de mas, commedia spagnola di Javier Ruiz Caldera presentata alla Mostra di Venezia e che in Spagna aveva portato a casa ben 7 nomination ai Goya, Fack Ju Gohte, film tedesco di Bora Dagtekin, vincitore del premio del pubblico al Bavarian Film Festival, e Speak of the Devil, commedia del russo Evgeniy Abyzov con venature fantastiche. Un’edizione l’11^ arrivata dopo uno stop di 4 anni e che aprendosi anche ai successi già editi, oltre ai film in anteprima, ha espresso un inno ancora più forte al genere:  “Quest’anno – spiega Greggio – abbiamo deciso di portare nel Principato, oltre a film inediti, anche quelli che hanno avuto il maggior successo di pubblico nel proprio Paese, per rendere omaggio alla commedia, il genere che spopola nelle sale cinematografiche di tutto il pianeta, confermando di essere il più amato dagli spettatori. Una galleria da noi sconosciuta, modi diversi di raccontare attraverso la risata, i difetti, i vizi, i tic e le follie di nazioni spesso all’opposto per carattere, stili e modi di vivere”. E che Sole a catinelle abbia colto il proprio bersaglio non c’è dubbio.

EMANUELE RAUCO

Commenti

commenti