in questo momento su RadioCinema:

  • Traccia

  • Autore

  • Film

App iPhone | Podcast | Radiofrequenze

Sembra mio figlio: genocidio e immigrazione nel nuovo film di Costanza Quatriglio

La regista siciliana racconta, attraverso una storia vera, lo sterminio del popolo degli Hazara in Afghanistan e Pakistan. La nostra intervista a Costanza Quatriglio

Intervista a Costanza Quatriglio di Marilena Vinci

Sembra mio figlioDopo essere stato presentato all’ultimo festival di Locarno, arriva al cinema Sembra mio figlio, ultimo lavoro di Costanza Quatriglio che racconta un genocidio ai più sconosciuto: quello del popolo Hazara.

Il film, ispirato ad una storia reale, racconta la storia di Ismail, sfuggito alle persecuzioni in Afghanistan quando era ancora bambino, che ora vive in Europa con il fratello Hassan. La madre, che non ha mai smesso di attendere notizie dei suoi figli, oggi non lo riconosce. Dopo diverse e inquiete telefonate, Ismail è combattuto nel tornare dalla sua famiglia. Nel cast attori non professionisti: Basir Ahang, Tihana Lazovic e Dawood Yousefi.

Gli Hazara contano oggi quasi otto milioni di persone, sono vittime di genocidio, crimini di guerra e crimini contro l’umanità sia in Afghanistan che in Pakistan, dove la comunità è ciclicamente colpita da attacchi di gruppi terroristici sunniti. Originariamente buddisti, gli Hazara vivono perlopiù nelle zone centrali dell’Afghanistan dove le due enormi statue di Buddha, simbolo della loro storia e cultura, sono state distrutte dai Talebani nel marzo 2001. A causa dei tratti somatici mongoli, si dice discendano dall’armata di Gengis Khan che invase l’Afghanistan nel tredicesimo secolo; alcuni storici, al contrario, sostengono che gli Hazara siano il popolo autoctono dell’Afghanistan. Il primo tentativo di genocidio risale al 1890, ad opera del re dell’Afghanistan Abdul Rahman Khan che riuscì a sterminare il 62% della popolazione. Un secolo dopo, a partire dalla fine degli anni novanta, i talebani hanno dato il via a una serie interminabile di violenze. Solo nei primi cinque mesi del 2018, nelle aree abitate dagli Hazara, quasi mille persone sono state uccise in attacchi suicidi e attentati.

Sembra mio figlio è al cinema dal 20 settembre distribuito da Ascent Film.

Commenti

commenti

Tags:, ,

Favicon scritto da Marilena Vinci il 15.09.2018 alle 16:49