in questo momento su RadioCinema:

  • Traccia

  • Autore

  • Film

App iPhone | Podcast | Radiofrequenze

Vento del Nord aiuta la Sicilia

30/07/11 - Il vento del Nord è iniziato con L'ultima estate e 20 sigarette, ma anche con un ringraziamento ai lampedusani per quanto hanno fatto negli ultimi mesi.

Dal nostro inviato ALESSANDRO ANIBALLI

Ascolta le interviste di RADIOCINEMA a:

  • Ivan Scinardo, direttore Centro Sperimentale Sicilia
  • Pietro Di Miceli, dirigente Sicilia Film Commission
  • Laura Delli Colli, presidente SNGCI
  • Carolina Crescentini
  • Francesco Scianna
  • La rassegna Vento del Nord, organizzata da Massimo Ciavarro, ha aperto le danze ieri 29 luglio a Lampedusa con la proiezione del film di Eleonora Giorgi, L’ultima estate, e con la presentazione di 20 sigarette di Aureliano Amadei. L’isola di Lampedusa è stata spesso al centro della cronaca nazionale negli ultimi mesi per gli sbarchi dei migranti e, forse, ci si è dimenticato di quanto sia un luogo unico per posizione geografica e per bellezza paesaggistica. Con l’intenzione perciò di far parlare dell’isola anche in un’ottica meramente turistica nasce questo festival organizzato da Massimo Ciavarro. È quanto ha ribadito Ciavarro stesso nel corso della serata di apertura, affiancato da Laura Delli Colli, per l’usuale saluto delle autorità. Era presente naturalmente il sindaco Bernardino De Rubeis, insieme a rappresentanti istituzionali maggiormente legati al mondo del cinema, da Sebastiano Missineo, Assessore regionale ai beni culturali e all’identità siciliana, a Pietro Di Miceli, dirigente della Sicilia Film Commission, a Ivan Scinardo, direttore della sede siciliana del Centro Sperimentale di Cinematografia.

    Tutti hanno ricordato la necessità di appoggiare gli abitanti dell’isola nell’impegno che hanno dovuto sostenere di fronte alla migrazione proveniente dall’Africa e, in tal senso, l’Assessore Missineo ha dichiarato che: “Lampedusa doveva essere aiutata”, annunciando tra le altre cose anche uno stanziamento di fondi di 900mila euro con l’ottica di incrementare il Museo archeologico delle Pelagie, sito proprio a Lampedusa. Missineo ha poi usato toni accorati e quasi drammatici, quando ringraziando Massimo Ciavarro per l’organizzazione e l’ideazione della manifestazione Vento del Nord, ha ricordato che “tutte le proposte che servono a portare turismo e a valorizzare i nostri beni culturali sono – e devono – essere accolte, perché questo oggi in Sicilia è l’unico treno che ci rimane”. Qualche nota positiva è arrivata anche da Pietro Di Miceli, il quale ha ricordato le difficoltà economiche con cui si è dovuta scontrare la Sicilia Film Commission negli ultimi tempi, a causa di un taglio in bilancio, ma allo stesso tempo ha annunciato nuovi bandi di finanziamento per i festival siciliani e per i documentari che verranno girati in loco.

    Sicuramente però il momento più emozionante della serata è arrivato grazie a Carolina Crescentini che, insieme a Francesco Scianna, è ospite del festival. La Crescentini ha presentato il film 20 sigarette in cui recita al fianco di Vinicio Marchioni. L’attrice, con grande spontaneità, ha ringraziato i lampedusani dicendo che per quanto hanno fatto in tema di accoglienza in questi mesi hanno dato “una dimostrazione di grandissima civiltà e dignità che dovrebbe servire d’esempio per tutta l’Italia”. E a quel punto il pubblico, riunitosi man mano nell’arena di Piazza Castello fino a riempirla totalmente, ha abbandonato l’iniziale timidezza, e un certo senso di scetticismo tutto isolano, per applaudire in modo convinto e sentito.

    ARTICOLI CORRELATI:
    Un festival per Lampedusa

    Commenti

    commenti