in questo momento su RadioCinema:

  • Traccia

  • Autore

  • Film

App iPhone | Podcast | Radiofrequenze

Walt Disney Pictures spettacolo per famiglie

Walt Disney Pictures presenta a Ciné un listino meno ricco del previsto, che privilegia l’animazione e il 3D. Due titoli su tutti: Ribelle - The Brave e Frankenweenie.

Intervista a Stefano Bethlen, Head of Theatrical Distribution della Walt Disney Italia

Il vero fulcro della presentazione del listino Walt Disney Pictures a Cinè – giornate estive di cinema 2012 è stato il successo di The Avengers che ha rilanciato il marchio Marvel e i film della società guadagnando circa 18 milioni in Italia. Sulla base di questo successo, il listino 2012/2013 pare un po’ più debole del solito: pochi film, successi assicurati e nessuna idea nuova.
Si parte il 5 settembre con Ribelle – The Brave, il nuovo film Pixar su cui la società ripone grandi speranze per quel che riguarda la seconda metà dell’anno, menter si prosegue poi a Natale con Ralph spaccatutto, divertente revival dei videogame anni ’80. Il cuore del prodotto è nell’animazione e nel 3D, come dimostra anche la riproposizione di Alla ricerca di Nemo proprio in versione stereoscopica.
Per trovare nuovi film Disney bisogna aspettare gennaio 2013 con Frankenweenie, nuovo lavoro in stop-motion di Tim Burton, mentre i primi mesi del prossimo anno ci porteranno Looper, action movie sci-fi con Bruce Willis e Joseph Gordon-Levitt, e Il grande e potente Oz, fantasmagoria firmata Sam Raimi. Tutto qui, il grosso della produzione è rimandato da Pasqua in poi con il ritorno di Monsters & co. a fare da apripista a Monsters University a giugno, ma accompagnato poi dai supereroi di Iron man 3, Thor 2 e Capitan America 2.
Un listino di transizione che forse sposta i titoli più allettanti verso la fine della stagione, invogliando esercenti e spettatori con anticipazioni lontane, come quella di Planes – sorta di spin-off aereo di Cars – e The Lone Ranger con l’indiano Johnny Depp diretto da Gore Verbinski. Sarà per via di strategiche o ripensamenti produttivi?

Commenti

commenti