in questo momento su RadioCinema:

  • Traccia

  • Autore

  • Film

App iPhone | Podcast | Radiofrequenze

L’era glaciale 4 – Continenti alla deriva

Proseguono le avventure animate degli amici Manny, Diego e Sid, in L'era glaciale 4 - Continenti alla deriva qui alle prese con una banda di pirati. La nostra recensione in anteprima.

Scheda film informazioni

SCHEDA FILM: L’era glaciale 4 – Continenti alla deriva

Trama: La forsennata caccia all’inafferrabile ghianda da parte di Scrat, iniziata nella notte dei tempi, ha delle conseguenze sconvolgenti per il mondo intero: un cataclisma continentale che sfocia in un’avventura grandiosa per Manny, Diego e Sid. Durante le loro peripezie, Sid ritroverà la bisbetica nonna e il branco si imbatterà in una combriccola di pirati assortiti decisi a impedire loro di tornare a casa.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Titolo originale Ice Age: Continental Drift
Regia: Steve Martino, Mike Thurmeier
Sceneggiatura: Michael Berg, Jason Fuchs
Fotografia: Renato Falcão
Montaggio James Palumbo, David Ian Salter
Musica: John Powell
Cast voci originali: Ray Romano (Manny), Denis Leary (Diego), John Leguizamo (Sid), Peter Dinklage (capitan Gutt), Nick Frost (Flynn), Queen Latifah (Ellie), Jennifer Lopez (Shira), Nicki Minaj (Steffie)
Voci italiane: Filippo Timi (Manny), Claudio Bisio (Sid), Pino Insegno (Diego), Roberta Lanfranchi (Ellie)
Anno: 2012
Durata: 94′
Formato: 2D e 3D
Origine: Stati Uniti
Genere: animazione, commedia
Produzione: Blue Sky Studios
Distribuzione: 20th Century Fox
Data di uscita: 28 settembre 2012

Commenti

commenti

Immagini galleria fotografica
Video trailer e filmati

Trailer italiano
Trailer originale
Recensionescritta da Marilena Vinci

Nei 34 paesi in cui è uscito è già un successo ma per vederlo in Italia dovremmo aspettare il 28 settembre. L’era glaciale 4 – Continenti alla deriva, nuovo capitolo di una delle saghe animate di maggior successo, riporta sul grande schermo il bradipo Sid, la tigre Diego, il mammuth Manny e lo scoiattolo Scrut con due new entry: una bisbetica vecchietta ed il gorilla pirata capitan Sbudella.
Presentato in anteprima nazionale a Lipari, in occasione dell’annuale convention della Twentieth Century Fox, il quarto capitolo della serie d’animazione punta a raggiungere i lusinghieri risultati economici dei precedenti, che hanno fruttato agli studios circa 3 miliardi di dollari in tutto il mondo.
A generare un nuovo catastrofico evento stavolta è Scrut che, nella sua consueta e forsennata caccia alla ghianda, causa la frattura della crosta terrestre provocando lo slittamento dei continenti. Tra tempeste, pirati, fughe e inseguimenti, Manny, insieme a Scrut e agli altri suoi compagni di avventura, farà di tutto per riuscire a tornare a casa dalla compagna e dalla figlia da cui è stato improvvisamente separato. A prestare le voci italiane ai protagonisti sono i veterani Claudio Bisio (Sid) e Pino Insegno (Diego) e le new entry Francesco Pannofino (Sbudella) e Filippo Timi (Manny), che succede a Leo Gullotta e debutta al doppiaggio.

Nonostante siano trascorsi dieci anni dal primo film e a dispetto di altre saghe che si esauriscono con i primi due o tre capitoli, il brand L’Era Glaciale dimostra di riuscire ancora a intrattenere e divertire, avendo la capacità di attirare al cinema un pubblico ampio grazie a un umorismo semplice in cui non mancano però citazioni rivolte agli adulti (dalle sirene dell’Odissea alla sommersa isola di Atlantide) e momenti di immediata spettacolarità valorizzati dall’uso del 3D e dando così prova alla Blue Sky Studios di poter competere alla pari con i notevoli prodotti Pixar e Dreamworks.
La morale della favola resta quella legata all’importanza dell’amicizia e al valore della famiglia allargata, non per forza intesa come nucleo di sangue, ma come l’idea che a legare siano i sentimenti autentici. Il tutto affrontato con leggerezza e condito con gag immediate, giochi di parole e un’ironia mai banale. Divertente e ben riuscita anche la canzone cantata da Pannofino nella versione italiana.
Punto forte di questa nuova avventura è ancora una volta, insomma, il connubio di umorismo e sentimento ma anche la presenza di due personaggi che, su tutti, da soli valgono la visione del film: l’immancabile Scrut (talmente amato dal pubblico che la Fox starebbe pensando alla realizzazione di uno spin-off) che con i suoi intermezzi slapstick conquista la scena fin dai titoli di testa grazie a un azzeccato prologo, e la new entry della scontrosa e sbadata nonnina di Sid il bradipo. In perfetto stile seriale, dunque, le novità sono poche, ma decisive, in modo tale da non disorientare il pubblico affezionato alla saga, immettendo però allo stesso tempo qualche nuovo elemento capace di riannodare i fili della variazione sul tema. Perciò la formula resta quella ormai rodata dei precedenti tre film capace sostanzialmente di intrattenere genuinamente. L’Era glaciale 4 – Continenti alla deriva si annuncia come uno dei nuovi successi della prossima stagione cinematografica e, siamo pronti a scommettere, non sarà l’ultimo.


Commenti

commenti

Commenti

commenti

Colonna Sonora info e playlist
Nessuna colonna sonora per questa scheda
Interviste i protagonisti raccontano

Intervista a Claudio Bisio e Pino Insegno, doppiatori del film nella versione italiana
Intervista a Francesco Pannofino e Filippo Timi, doppiatori del film nella versione italiana
Audiorecensione

Intervista a Claudio Bisio e Pino Insegno, doppiatori del film nella versione italiana
Intervista a Francesco Pannofino e Filippo Timi, doppiatori del film nella versione italiana