in questo momento su RadioCinema:

  • Traccia

  • Autore

  • Film

App iPhone | Podcast | Radiofrequenze

La migliore offerta

Tornatore abbandona gli eccessi stilistici e narrativi di Baarìa tornando a un cinema più elegante ed essenziale e mescolando bene thriller e romanticismo in un film sostenuto anche dall’interpretazione di Geoffrey Rush.

Scheda film informazioni

SCHEDA FILM: La migliore offerta

Trama: Virgil Oldman é un genio eccentrico, esperto d’arte, apprezzato e conosciuto in tutto il mondo. La sua vita scorre al riparo dai sentimenti, fin quando una misteriosa cliente di una casa d’aste lo invita nella sua villa per effettuare una valutazione; sarà l’inizio di un rapporto che sconvolgerà per sempre la sua vita.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Titolo originale: La migliore offerta
Regia: Giuseppe Tornatore
Sceneggiatura: Giuseppe Tornatore
Fotografia: Fabio Zamarion
Montaggio Massimo Quaglia
Musica: Ennio Morricone
Cast: Geoffrey Rush (Virgil Oldman), Jim Sturgess (Robert), Sylvia Hoeks (Claire), Donald Sutherland (Billy)
Anno: 2013
Durata:
Origine: Italia
Genere: drammatico, thriller
Produzione: Paco Cinematografica S.r.l.; in collaborazione con Warner Bros. Italia
Distribuzione: Warner Bros
Data di uscita: 01 gennaio 2013

Commenti

commenti

Immagini galleria fotografica
Video trailer e filmati

Trailer
Recensionescritta da Laura Croce

Dopo le esagerazioni e i manierismi abbastanza sterili di Baarìa, con La Migliore Offerta Giuseppe Tornatore ritrova quelle tinte più fredde e moderate che hanno fatto la particolarità e l’eleganza di una parte del sua filmografia. Lontano dalle ambientazioni italiche, sostenuto da un cast di livello, in particolare dal sempre efficace Geoffrey Rush, Tornatore ha potuto costruire una buona mescolanza di love story e thriller, sfruttando le atmosfere di genere per dare vita a un film forse non epocale, ma comunque coinvolgente e interessante. L’idea di partenza è di sicuro d’aiuto: Virgil Oldman è un rinomato battitore di aste, esperto di arte e di antiquariato, che vive nella perfezione asettica del suo mondo antico e privilegiato. Niente sembra interessarlo più della sua collezione di ritratti di donna, almeno finché nella sua vita non compare una figura femminile ancora più intrigante delle sue dame appese a un muro. Si tratta di una giovane affetta da una terribile forma di agorafobia, che non solo non esce mai dalla villa dei suoi genitori, ormai caduta in rovina, ma rifiuta qualsiasi contatto col mondo esterno, parlando a tutti da dietro il muro di una stanza segreta. Ingaggiato dalla fanciulla misteriosa per valutare l’entità del patrimonio familiare, Virgil rimarrà così affascinato dallo strano malessere della donna tanto da non potersene più staccare. E imparerà, non senza qualche complicazione, come anche nell’amore vigano le stesse complicare regole dell’arte, dove dietro a un pezzo di legno impolverato può nascondersi un grande capolavoro, e dove un’opera apparentemente perfetta può costituire un falso clamoroso.

Oltre a essere ben riuscito ad alimentare l’aria di mistero essenziale per la riuscita di questo film, ne La Migliore Offerta Tornatore ha anche unito con gran mestiere il tema romantico con quello dell’arte, senza però mai puntare a riflessioni troppo astratte o accademiche, in modo da non appesantire troppo un racconto volto a ricalcare anche gli stilemi del giallo. Se da una parte si ha l’impressione che il regista avrebbe potuto puntare ancora più in alto, rendendo l’opera ancor più memorabile, bisogna constatare che, già così com’è, La Miglior Offerta rappresenta un film ben riuscito, piacevole e di genere, ma non eccessivamente stereotipato e scontato. Certo, non sembra di assistere a niente di radicalmente nuovo, piuttosto a un’attenta riproposizione di modelli classici e, in quanto tali, sempre piuttosto validi, anche quando applicati a un film fondamentalmente di intrattenimento. Molto apprezzabili soprattutto le location (per lo più mitteleuropee), la cura di ogni aspetto del set e dei costumi, così la scelta della protagonista femminile: la poco nota attrice olandese Sylvia Hoeks.


Commenti

commenti

Commenti

commenti

Colonna Sonora info e playlist
Nessuna colonna sonora per questa scheda
Interviste i protagonisti raccontano

Intervista al regista Giuseppe Tornatore
Audiorecensione

Intervista al regista Giuseppe Tornatore