in questo momento su RadioCinema:

  • Traccia

  • Autore

  • Film

App iPhone | Podcast | Radiofrequenze

Un`estate ai caraibi

La spietata polvere del tempo sulla premiata ditta Vanzina…

12/06/09 – Come affrontare un film dei Vanzina nell`anno 2009? Ex campioni d`incassi e principi della commedia bassa italiana per due decenni abbondanti, i fratelli romani sono oggi rappresentanti di un cinema dal gusto arcaico, ultima testimonianza (forse con Argento, seppur con tutt`altri risultati e qualità ) di un artigianato altrove scomparso e legato ad una concezione quasi da “bottega” cinematografica. Abbandonati da un De Laurentiis oggi comodamente adagiato sulle megaproduzioni di Neri Parenti (adiuvato da squadroni di sceneggiatori e dialoghisti, dedito a un ripensamento del cinepanettone a livello di confezione, ma stando altresì ben accorto a non modificare di una virgola i meccanismi narrativi e le strutture rodate del filone), i Vanzina hanno accettato ormai di fungere da “cavie” per il mercato, rinunciando all`impossibile scontro natalizio con l`armata capitanta da De Sica e facendo uscire i propri titoli a ridosso dell`estate, per cercare di dare un contributo ai tentativi di “stirare” la nostra stagione cinematografica oltre il tradizionale limite della tarda primavera.

unestate-ai-caraibiCosì, eccoci di fronte alla nuova commedia da ombrellone e sedia a sdraio, che cerca di auto-clonare i remoti “Sapore di sale” e “Sapore di saleUn anno dopo”, straordinari successi dei primi anni `80. Ma, per l`appunto, il problema è proprio di datazione, perchè bisognerebbe spiegare ai due volponi che non ci troviamo più nell`epoca d`oro della paccottiglia post-commedia all`italiana: il “terrunciello” di Abatantuono è (più o meno) morto, Lino Banfi è oggi un eroe televisivo per famiglie, Massimo Ciavarro è un signore di mezza età  dal viso cotto come quello di un vecchio marinaio (o un naufrago…), eccetera. Non fraintendiamoci, quella roba esiste ancora, ma ha il volto rinnovato di Federico Moccia e dei suoi figliastri d`arte, o quello appunto vecchio, ma ben tirato da abili chirurghi, dei cinepanettoni attuali. Non basta un cast ricco, televisivo e al passo coi tempi (Enrico Brignano, Enrico Bertolino, Biagio Izzo, Paolo Ruffini), non bastano le indubbie bellezze collaudate (Martina Stella, Alena Seredova) nè le new entry maggiorate (Jayde Nicole). E, spiace dirlo, non serve granchè neppure una vecchia gloria come Gigi Proietti, che si muove tra le sabbie dorate caraibiche con una grazia d`altri tempi ma con evidente disorientamento. Ogni sforzo di rinverdire un cinema vecchio, stantio, con maldestri riferimenti all`attualità  (ma è poi attualità  la figura del turpe palazzinaro romano, o il faccione di gomma del sosia del Presidente del Consiglio, lo stesso Presidente del Consiglio di quindici anni fa?) rende il tutto, se possibile, ancora più venato di patetismo. Anche sul piano della scrittura, seppur questo “Un’estate ai Caraibi” si difenda un poco meglio del precedente “Un`estate al mare” (moderatamente divertenti alcune gag dell`episodio del pur insopportabile Izzo, o certi lazzi di Brignano – a cui però andrebbe spiegato che al cinema non è buona cosa mettersi a favore di macchina da presa, come si fa invece nel cabaret televisivo – ), il pauperismo e la scarsità  di materiale rende il tutto polveroso e malinconico. La ricerca di tormentoni a tutti i costi, poi, raggiunge abissi di vergogna assoluta nel reiterato saluto di Ruffini (“Allora cisi…”, “Cisi che?”, “Cisi vede!”) che è privo di alcun senso e che fa apparire le frasi fatte di Striscia la notizia come capolavori linguistici…

Insomma, a conti fatti spiace un poco anche parlar male di un prodotto simile, zoppo e maldestro, e che fa la parte di un simpatico e scalcinato David contro il Golia dei colossi natalizi di oggi.

(GIORDANO DE LUCA)


Titolo originale: Un’estate ai Caraibi
Produzione: Italia 2009
Regia: Carlo Vanzina
Cast: Enrico Brignano, Carlo Buccirosso, Biagio Izzo, Martina Stella, Alena Seredova, Enrico Bertolino, Luigi Proietti, Maurizio Mattioli, Paolo Conticini, Paolo Ruffini, Jayde Nicole, Maurizio Antonini
Durata: 110′
Genere: commedia
Distribuzione: Medusa
Data di uscita: 12 giugno 2009

Guarda il trailer:




Commenti

commenti