in questo momento su RadioCinema:

  • Traccia

  • Autore

  • Film

App iPhone | Podcast | Radiofrequenze

La neve di Stefano Incerti cade sul BIF&ST

Incerti presenta a Bari Neve, noir ambientato in Abruzzo con Roberto De Francesco ed Esther Elisha. L'intervista al regista

Scheda film informazioni

Dopo Courmayeur, luogo quanto mai adatto climaticamente, Neve di Stefano Incerti approda nel pieno della primavera barese al BIF&ST 2014, tra i lungometraggi del concorso italiano, anticipando l’uscita nelle sale prevista per ottobre con Microcinema: il film racconta tra dramma intimo e noir, la storia di due persone, in fuga o alla ricerca, colte in due difficili momenti delle loro vite. Lui ha la moglie e la figlia malate e sta cercando qualcuno nella montagna abruzzese; lei sta fuggendo da qualcuno ma un passato oscuro la lega.
Interpretato da Roberto De Francesco, già al centro del primo film di Incerti Il verificatore, e da Esther Elisha – che Incerti apprezzò in La-bas di LombardiNeve segue atmosfere e ambientazioni quasi scandinave cercando un film che fosse fuori dall’attuale industria italiana e che cercasse di raccontare storie atipiche con modalità atipiche. Il noir, una certa rarefazione, il lavoro su immagini e atmosfere legano il film a immaginari più ampi, ma anche a un modo di fare cinema svelto e veloce, fatto di una piccola troupe e al tempo stesso di una cura per gli attori e le immagini che il metodo industriale, secondo Incerti, lascerebbe in secondo piano. Nel cast, sempre efficace, Massimiliano Gallo, a suo agio nel ruolo del criminale di bassa lega eppure sempre lontano dal cliché.

EMANUELE RAUCO

Commenti

commenti

Immagini galleria fotografica
Video trailer e filmati

Recensionescritta da Emanuele Rauco
Nessuna recensione per questo film
Colonna Sonora info e playlist
Nessuna colonna sonora per questa scheda
Interviste i protagonisti raccontano

Intervista a Stefano Incerti a cura di Emanuele Rauco

Dopo Courmayeur, luogo quanto mai adatto climaticamente, Neve di Stefano Incerti approda nel pieno della primavera barese al BIF&ST 2014, tra i lungometraggi del concorso italiano, anticipando l’uscita nelle sale prevista per ottobre con Microcinema: il film racconta tra dramma intimo e noir, la storia di due persone, in fuga o alla ricerca, colte in due difficili momenti delle loro vite. Lui ha la moglie e la figlia malate e sta cercando qualcuno nella montagna abruzzese; lei sta fuggendo da qualcuno ma un passato oscuro la lega.
Interpretato da Roberto De Francesco, già al centro del primo film di Incerti Il verificatore, e da Esther Elisha – che Incerti apprezzò in La-bas di LombardiNeve segue atmosfere e ambientazioni quasi scandinave cercando un film che fosse fuori dall’attuale industria italiana e che cercasse di raccontare storie atipiche con modalità atipiche. Il noir, una certa rarefazione, il lavoro su immagini e atmosfere legano il film a immaginari più ampi, ma anche a un modo di fare cinema svelto e veloce, fatto di una piccola troupe e al tempo stesso di una cura per gli attori e le immagini che il metodo industriale, secondo Incerti, lascerebbe in secondo piano. Nel cast, sempre efficace, Massimiliano Gallo, a suo agio nel ruolo del criminale di bassa lega eppure sempre lontano dal cliché.

EMANUELE RAUCO

Commenti

commenti

Audiorecensione