in questo momento su RadioCinema:

  • Traccia

  • Autore

  • Film

App iPhone | Podcast | Radiofrequenze

Ted

L'autore dei Griffin, Seth MacFarlane, scrive, dirige e doppia una commedia irriverente incentrata su un orsacchiotto con tanto pelo addosso, ma neppure uno sulla lingua. Con Mark Wahlberg e Mila Kunis.

Scheda film informazioni

SCHEDA FILM: Ted

Trama: Cresciuto con l’orsacchiotto Ted, il trentenne John Bennett si trova in difficoltà a condurre una vita serena in compagnia del suo peluche preferito che ha preso magicamente vita. Soprattutto perché Ted si trastulla negli stravizi: rimorchiare ragazze, fumare erba, cercare lo “sballo” a ogni piè sospinto. Tutto ciò finirà necessariamente per mettere in difficoltà John, in particolare nel tentativo di mantenere un equilibrio sentimentale con la sua ragazza, Lori.

 

 

 

 

 

 

 

 

Titolo originale Ted
Regia: Seth MacFarlane
Sceneggiatura: Seth MacFarlane, Alec Sulkin, Wellesley Wild
Fotografia: Michael Barrett
Montaggio Jeff Freeman
Musica: Walter Murphy
Cast: Mark Wahlberg (John Bennett), Mila Kunis (Lori Collins), Seth MacFarlane (voce di Ted), Joel McHale (Rex), Giovanni Ribisi (Donny)
Anno: 2012
Origine: Stati Uniti
Genere: commedia sarcastica
Produzione: Universal Pictures, Media Rights Capital, Fuzzy Door Productions, Bluegrass Films, Smart Entertainment
Distribuzione: Universal Pictures
Data di uscita: 4 ottobre 2012

Commenti

commenti

Immagini galleria fotografica
Video trailer e filmati

Trailer italiano
Trailer originale
Recensionescritta da Laura Croce

Cosa resterà di questi anni ’80, si chiedeva una canzone. La risposta arriva da Ted, la commedia politicamente molto scorretta di Seth MacFarlane, il creatore dei Griffin. E potete giurarci: sarà una risposta molto maleducata e imbarazzante, ma anche di un’ironia  così subdola da non poter non suscitare qualche simpatia. L’idea è molto semplice: tutto si basa, appunto, sul personaggio di Ted, un orsacchiotto di peluche che prende miracolosamente vita grazie al magico desiderio espresso dal suo padroncino, il piccolo John Bennett. Da quel momento Ted diventa capace di muoversi e parlare come un essere umano (seppur fatto di stoffa) il che, crescendo, finirà per includere anche ingurgitare junk food, provarci con le ragazze, prendersi sbronze colossali e imbottirsi di fumo, ovviamente sempre al fianco del fidato amico John. I problemi cominciano a sentirsi solo molti anni dopo, quando John, interpretato da un discreto Mark Wahlberg, diventa un uomo adulto e il suo attaccamento sincero all’orsacchiotto di peluche comincia a impedirgli di vivere un’esistenza normale. Soprattutto perché l’orsacchiotto in questione non è un tenero balocco, ma organizza festini con prostitute o star di Hollywood in declino quali Sam Jones… Esatto: Flash Gordon in persona.

Pervaso da un umorismo tagliente e volutamente distruttivo,  che non risparmia nessuna minoranza etnica, donne e omosessuali, Ted emerge di sicuro per una comicità acida e cattiva che ha il suo punto di forza soprattutto nella difficoltà di vedere cose del genere al cinema. Sia per il “format” – l’uomo e il pupazzo che si scambiano battute volgari su di un divano – sia per la mancanza totale di autocensura, una storia come questa sembrerebbe prestarsi molto di più a un serial televisivo. L’intelligenza di Seth MacFarlane risiede, perciò, nell’aver inserito tale intuizione all’interno di un racconto costruito come una favola per adulti, con tutte le convenzioni del genere cinematografico, rendendolo così una sorta di film di formazione per bambini fuori tempo massimo, condito con elementi nostalgici che non possono lasciare indifferente chi ha vissuto la sua infanzia negli anni ’80 (Flash Gordon in prima linea). Pur svolgendosi in modo molto prevedibile e lineare, e pur non risultando sempre brillante nel suo umorismo rancido, Ted si salva però cercando questo aggancio quasi “antropologico” con l’adulto medio moderno, e mettendone in scena alcune delle debolezze più ovvie ma anche per questo più condivise. Una commedia di sicuro non geniale ma almeno insolita, a cui non si possono riconoscere indubbi picchi di comicità, che in fin dei conti possono valere la pena della visione, per dare un po’ di sfogo al bambino cresciuto che si cela in ognuno di noi.

LAURA CROCE


Commenti

commenti

Commenti

commenti

Colonna Sonora info e playlist
Nessuna colonna sonora per questa scheda
Interviste i protagonisti raccontano

Audiorecensione